cherubino

Tasse e borse di studio

La prima rata composta da € 200,00 per oneri amministrativi, € 140,00 per tassa regionale e € 16,00 marca da bollo, per un totale di € 356,00, deve essere versata dagli studenti entro la scadenza dell’immatricolazione, ad eccezione di coloro che presentano domanda di borsa di studio all’Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Toscana e di coloro che hanno una disabilità (art. 3 c.1 L. 104/1992) o un’invalidità pari o superiore al 66%, che sono tenuti al pagamento della sola imposta di bollo.

La contribuzione annuale da pagare per iscriversi all’Università di Pisa varia a seconda del reddito e del merito.

Le informazioni sopra riportate saranno completate per l’anno 2020/2021, appena saranno emanate le norme di riferimento.

Riduzioni e agevolazioni

È possibile ottenere una riduzione del contributo annuale di Ateneo.
La domanda per la riduzione delle tasse si presenta on line  tramite il portale Alice.
Particolari agevolazioni sono riservate agli studenti a tempo parziale.
Per maggiori informazioni consultare la pagina dedicata.

Simulatore

La simulazione si riferisce ad una ‘ipotesi’ di calcolo non ufficializzata nel dettaglio dagli organi accademici. Il simulatore sarà aggiornato per l’a.a. 2020/21 non appena saranno emanate le norme di riferimento.

ISEE (no decimali)
Voto di diploma
Prima rata: (30-09-2020)
Seconda rata: (16-03-2021)
Terza rata: (15-05-2021)
Quarta rata: (15-07-2021)
Eventuale rimborso:

Borse di Studio e alloggi per studenti: i servizi del DSU

L’ Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana bandisce ogni anno un concorso per la concessione di borse di studio e l’assegnazione di posti alloggio per studenti universitari.
I vincitori di borsa di studio hanno diritto ad una quota monetaria, alla fruizione gratuita del servizio mensa e se vincitori di posto alloggio, all’assegnazione gratuita di un alloggio nelle residenze universitarie. In caso di indisponibilità di posti, hanno diritto all’erogazione del contributo affitto.
I vincitori di borsa di studio sono esonerati dal pagamento della tassa regionale e della contribuzione universitaria, ma sono comunque tenuti al pagamento dell’imposta di bollo di € 16,00 entro la scadenza della seconda rata.